Skip to content

Sweet table

Confettata, candy bar o dessert bar?

I tradizionalisti diranno subito confettata, ma in realtà il candy bar e il dessert bar sono ottime alternative, soprattutto se volete dare quel tocco originale al vostro matrimonio.

Prima di tutto, facciamo una piccola precisazione rispetto al significato dei termini che andremo ad usare. In Italia c'è la tendenza ad identificare erroneamente come candy bar il tavolo dei dolci ma in realtà questa è la definizione dello Sweet table. Facciamo un po' di ordine e chiariamo subito un paio di punti.

Esistono diverse tipologie di "tavoli" tra i quali troviamo: candy bar, dessert bar, cotton candy bar (zucchero filato) e la confettata (white table).

Tutte queste tipologie fanno parte a loro volta della categoria sweet table, letteralmente tavolo dei dolci dove gli ospiti possono servirsi autonomamente e degustare caramelle, cupcake o biscotti a seconda del tema del tavolo.

Come in ogni ambito, una volta apprese le regole base si è liberi di mettere la propria personalità e fare le proprie varianti. Nessuno vi vieta di organizzare uno sweet table misto con diverse sezioni dedicate ai diversi elementi: zona candy, zona dessert e perché no una drink station. Negli allestimenti per i compleanni o battesimi è molto comune. Al di là del tipo di tavolo che allestirete ricordatevi di creare dei segna gusti, potete posizionarli davanti ai contenitori oppure incollarli su bastoncini di legno ed inserirli nel contenitore.

Cominciamo ad approfondire l'argomento parlando della confettata, detta anche white table. Come qualsiasi altro dettaglio dovrà essere in linea con il tema e il fil rouge del matrimonio o evento.

La confettata, come lo sweet table in generale, non è un' esclusiva dei matrimoni ma viene utilizzata con qualche variante anche nell'organizzazione di compleanni e battesimi. Tratteremo comunque questi casi specifici in un articolo dedicato.

La confettata è la scelta più tradizionale. Il bianco sarà il colore predominante, ma vi potrete sbizzarrire con i gusti dato che ormai esistono infinite varianti alla classica mandorla. Se invece volete dare un un tocco di originalità  senza distaccarvi totalmente dalla tradizione, in commercio esistono altri colori oltre al bianco, con diverse gradazioni del colore scelto per ottenere un effetto sfumato.

Per quanto riguarda il gusto si parte dalla classica mandorla per arrivare a gusti molto più eccentrici e che fanno impallidire le semplici varianti al cioccolato: confetti al mojito, menta e liquirizia, sfogliatella, cannoli, cassata siciliana o marshmallow.

Vi sembra impossibile? Eppure facendo una veloce ricerca vi renderete conto che in realtà vi ho citato sullo una piccola parte dei gusti disponibili.

Il mio consiglio è di cercare equilibrio tra gusti più tradizionali e confetti più originali; è vero se proporrete confetti al gusto babà, mela e cannella vi distinguere sicuramente, ma dovete pensare a garantire i classici in modo che tutti abbiano la possibilità di trovare un confetto più in linea con i propri gusti.

Se invece puntate a distaccarvi dalla tradizione, il candy bar o il dessert bar vi aiuteranno a dare quel tocco di originalità in più rispetto alla classica confettata.

Il candy bar lo dice il nome: caramelle di tutte le forme colori e gusti.

Il mio consiglio è di dare movimento e colore alla composizione, a questo si prestano molto le fragoline che io spesso faccio sconfinare nei dessert table come decorazione per i dolci. Provate a metterla in cima ad un cupcake alla panna o in contrasto con i dolci al cioccolato: l'effetto é molto divertente e il sapore assicurato.

Tra gli altri dolciumi consiglio di riservare uno spazio per i lecca lecca da posizionare in un contenitore a forma cilindrica stretto e alto; ricordate di bloccarli alla base utilizzando ad esempio sassolini decorativi colorati, in modo da rendere più accattivante la presentazione.

Il segreto del candy bar è avere contenitori di diverse dimensioni,
ricordatevi di di procurarvene alcuni con più grandi da mettere
nella parte posteriore del tavolo, altri invece simili a ciotole
nella parte anteriore. Il mio segreto per personalizzare il tavolo è
utilizzare pezzi recuperati dai mercatini dell'usato, mi é capitato di trovare alzatine degli anni '40 a prezzi molto economici e addirittura sotto i quindici euro. Se volete veramente stupire i vostri invitati potete utilizzare bicchieri da cocktail come ad esempio coppe martini, coppe da margarita o bicchieri da whisky in allestimenti dal mood moderno o tazzine da tè in allestimenti shabby chic.

Per aggiungere un ulteriore mood retró consiglio di utilizzare biscottiere, alle quali legherete un nastro di raso con un fiocco sempre d'ispirazione shabby, che abbiano un'apertura abbastanza larga per accedere meglio alle caramelle.

Il dessert bar è semplice da spiegare: torte tradizionali e cookie cakes, cupcake, biscotti, macaron, pasticcini e cake pops.

Tornando ai cake pops, vanno molto di moda e sono semplici da preparare:
simili a lecca lecca sono piccole palline infilate in bastoncini, ricoperte di cioccolato fuso e decorate.

Menzione d’onore per i cupcake e i macaron che spesso occupano la parte centrale del tavolo grazie anche alla scelta, molto scenica di disporli su alzatine o appositi espositori a più piani.

 

 

 

 

Come avrete capito ci sono solo poche semplici regole di base, il resto sta a voi e alla vostra fantasia!

Lascia un commento





Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll To Top